Cannucce in bambù: l’alternativa alla plastica

Cannucce in bambù: l’alternativa alla plastica

Spesso molti di noi non fanno caso all’utilizzo di certi oggetti nel quotidiano e del materiale in cui sono fatti.

Come nel caso delle cannucce di plastica usa e getta, avete mai pensato all’impatto ambientale che possono avere? 

Milioni di cannucce che vengono prodotte, imballate, trasportate, utilizzate (per pochi minuti) e poi gettate via. Quando “va bene” finiscono in discarica, ma sappiamo che purtroppo spesso vanno a finire anche nei fiumi e nel mare dove danneggiano l’habitat marino e la fauna locale.

La prima cannuccia, in carta ricoperta di paraffina, fu inventata da Marvin C. Stone nel 1880 e venne poi ulteriormente migliorata nel 1937 da Joseph Friedman. La figlia di Friedman faceva una grande fatica a bere da una cannuccia lunga, e così Joseph pensò bene di brevettarne una di plastica, più flessibile e pieghevole.

È tempo però ora di eliminarle e sostituirle con materiali che non siano dannosi per la salute e per l’ambiente.

Per fortuna c’è chi si è mobilitato per contribuire a rendere migliore il nostro pianeta.

Lo ha fatto per primo Milo Cress, un bambino americano, che a 9 anni ha avviato la Be Straw Free Campaign e ha convinto il governatore del Colorado a istituire la Giornata Nazionale Senza Cannucce.

Sempre negli Usa, il parco a tema Animal Kingdom di Disney ha messo al bando le cannucce usa e getta e la Xanterra Parks & Resorts (che gestisce i grand parchi americani tra cui Grand Canyon) ha lanciato il programma Choose to be Straw Free.

Le cannucce plastic free

Una delle migliori alternative è la cannuccia di bambù. Completamente biodegradabile, è fatta di materiali 100% naturali ed organici, rappresentando un’ottima alternativa organica e naturale alle cannucce di plastica. Resistente e facile da pulire, questa cannuccia non è soggetta a muffa o degradazione.

Anche la cannuccia di carta, biodegradabile al 100%, si accompagna a cocktail e drink ricercati, originali ed elaborati, facendo la differenza nel servizio e non passando inosservata. Ha un piccolo difetto però: essendo realizzata in carta può consumarsi sul fondo, se rimane troppo tempo a contatto con il liquido della bevanda.

cannucce in carta

La cannuccia in vetro, facilmente lavabile in lavastoviglie, è un’ottima alternativa alla classica cannuccia di plastica monouso. Il design lineare e il colore trasparente mettono in risalto il colore del drink, rendendola particolarmente adatta a qualsiasi tipo di bottiglietta o bicchiere. Un ottimo materiale perchè è sicuro (senza BPA, atossico) e perché è riutilizzabile e durevole, ma soprattutto perché è riciclabile al 100%.

cannucce in vetro

Una delle ultime scoperte è la cannuccia con la pasta. Organica e dunque ecosostenibile, questa cannuccia è fatta con le zite, che hanno la tipica forma della cannuccia, solo che perfettamente biodegradabile e non inquinante per l’ambiente, rappresentando un’altra valida alternativa alla plastica.

 

Nome e Cognome


Email


Maggiori Informazioni