La regina del bambù

La regina del bambù

A casa di Linda Garland, la famosa interior designer che da vent’anni disegna arredamenti in bambù

Linda Garland, interior designer di fama mondiale, può essere considerata la regina del bambù. Questo perché da oltre vent’anni utilizza questo materiale per i suoi progetti, compreso quello della sua meravigliosa villa di Bali. Prosegui nella lettura per scoprire un vero e proprio angolo di paradiso.

Da Londra all’Indonesia

Linda ha visitato Bali per la prima volta nel 1974. Di fronte alla bellezza dei suoi paesaggi si è detta: “Sono in paradiso, non ho bisogno di niente di più”. Era partita da Londra per ricercare tessuti pregiati ed è tornata con la volontà di trasferirsi in Indonesia, in quell’angolo di mondo che tanto l’aveva affascinata.
L’interior designer ha così riorganizzato la propria vita, ha acquistato un terreno e ha disegnato e arredato la sua attuale dimora, una tenuta da sogno chiamata Panchoran.

Una dimora paradisiaca con protagonista il bambù

Linda Garland

La tenuta Parchoran è composta da cinque padiglioni concepiti come ville indipendenti. Cinque case sparse nella foresta, progettate per catturare tutta la magia della natura che le circonda. In tutta la tenuta, dove le ville si fondono completamente alle meraviglie naturali circostanti proprio per volere di Linda, è il bambù a farla da padrone. Negli ultimi vent’anni la designer ha disegnato solo mobili di questo materiale, e ha naturalmente voluto utilizzarlo per costruire ed arredare la sua casa. Mobili, pannelli, la pergola esterna che circonda l’intera tenuta, persino i due grandi divani che affacciano sull’esterno sono fatti di bambù.

Un legno resistente, conveniente ed ecosostenibile

Linda Garland conosce bene le caratteristiche del legno di bambù gigante: “Il legno impiega molto tempo a crescere mentre il bambù si può piantare e raccogliere tutti gli anni. È una materia prima versatile e a basso costo”.
Parole della stessa Garland,  che con il suo lavoro ha potuto godere della solidità e la versatilità del legno di bambù, e allo stesso tempo portare avanti con convinzione la sua politica personale volta all’ecosostenibilità, attraverso l’utilizzo di una materia prima ecosostenibile al 100%.

Leave a Reply

Your email address will not be published.